Go to Top
  • Nessun prodotto nel carrello.

Il social network aziendale: può bastare?

Quando si parla di social network aziendale, di solito si allude all’uso di piattaforme per comunicare con i consumatori, ma i clienti di un’azienda, le popolazioni verso le quali è strategico comunicare in modo nuovo e coinvolgente sono (ovviamente) anche tutti coloro che sostengono quotidianamente il business aziendale: i dipendenti, i dipartimenti e le business unit aziendali, la rete di vendita, i rivenditori, i negozi retail, i clienti business, ecc.; in altre parole, tutti quei processi vitali, e spesso informali, che alimentano ogni progetto e ogni risultato aziendale.

LE DUE DOMANDE CHIAVE PER INIZIARE
La prima domanda che ci si pone, di solito è: “sarebbe bello”, ma funzionerà? La prima domanda che ci dovremmo invece porre è: per Chi “sarebbe bello”? Rispondendo a questa domanda, forse inaspettatamente, scopriremo anche cosa fare. Ora possiamo scegliere con attenzione come fare e chiarire in modo esplicito gli obiettivi e i risultati che intendiamo raggiungere. Come è facile intuire, si tratta di un processo interno che va seguito un passo alla volta e, preferibilmente, con l’aiuto di un consulente che sappia tracciare il percorso metodologico che accompagni l’azienda in ogni fase della valutazione e della implementazione del progetto. Teveco, mette a disposizione dei propri clienti le esperienze e le metodologie progettate per costruire progetti di successo.

La seconda domanda chiave è: quale soluzione può rispondere alle mie esigenze presenti e future?  Ad esempio: oggi voglio creare il social network aziendale e domani (o contemporaneamente) vorrei, sulla stessa piattaforma, fare formazione, interagire con la rete di vendita, dare spazio al lavoro in team, creare comunità di pratica, smartworking, ecc. Teveco Cloud e i servizi di consulenza e formazione correlati, sono la risposta alle esigenze di oggi e alle nuove complessità che ci attendono. Ponendo attenzione ad un fatto spesso sottovalutato: la soluzione non è mai solo IT. La tecnologia deve essere il mezzo per esprimere comportamenti, per creare relazioni produttive e opportunità altrimenti improbabili o impossibili, e non il fine. Occorre quindi un approccio consapevole e sinergico tra tecnologia e comportamenti.

PRIMA DI OGNI ALTRA COSA CAPIRE LA SITUAZIONE
I modi per capire la situazione sono molti: survey interne, benchmarking, community mapping, ecc. Qualunque opinione ti sia fatto, di una cosa puoi essere certo: molti dei tuoi colleghi e clienti si stanno già chiedendo perché non l’hai ancora fatto, mentre altri non ci hanno ancora pensato. Ma a tutti farebbe un grande effetto avere sullo smartphone la App con i tuoi servizi. Farebbe un effetto forte e motivante partecipare come mai prima alle novità, ai progetti e agli obiettivi dell’azienda. Farebbe fare alla tua azienda un balzo di produttività e imprimerebbe un’accelerazione alle soluzioni nuove e spesso inattese.

COME FARE
In primo luogo devi possedere una visione approfondita e oggettiva di quello che potresti fare, sia da un punto di vista tecnologico che comportamentale. Poi, dovresti considerare il progetto nella sua ampiezza ed evoluzione: quali implicazioni avrà, basterà, cosa mi manca, come potrà evolvere? Stai certo che per quanto tu possa anticipare le aspettative e le risposte, la realtà quotidiana è più veloce di quanto immagini. Perciò, mettiti comodo e premi “start“!
Chiedi come fare: info@tecnichedivendita.com – tel. +39 029370907.

Condividi